Soprintendenza per i Beni Archeologici

Switch to desktop Register Login

Archivi

Ultima ora

Ultima modifica il Lunedì, 04 Novembre 2013 12:21

Visite: 2831

Mod. carta servizi

CLICCA SULLE COPERTINE PER LEGGERE E/O SCARICARE I RELATIVI PDF

Carta dei Servizi di Bene Vagienna
           Carta dei Servizi di Serravalle Scrivia           Carta dei Servizi di Monteu da Po

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Luglio 2013 09:04

Visite: 3758

Soprintendenza

La Soprintendenza Archeologia del Piemonte è un istituto periferico del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Svolge compiti istituzionali in materia di tutela, conservazione e valorizzazione dei beni archeologici presenti sul territorio piemontese e vigila sull'osservanza degli obblighi imposti dalla legislazione ai soggetti pubblici e privati proprietari, possessori o detentori di tali beni. In questa attività è coordinata dalla Direzione generale Archeologia.

Attività peculiare della Soprintendenza è la direzione delle attività di ricerca indirizzate all’individuazione di beni attraverso prospezioni e scavi, condotti con metodologia scientificamente adeguata. Tale prerogativa è riservata, dalla normativa vigente (Codice dei Beni Culturali, decreto legislativo n. 42 del 2004), in via esclusiva allo Stato. Per specifici progetti di ricerca, attraverso lo strumento della concessione di scavo la legge prevede l'autorizzazione per ricerche archeologiche anche ad enti di provata esperienza, quali i dipartimenti universitari. Spetta alla Soprintendenza l’esame delle richieste di concessione e la vigilanza sulla conduzione di quelle che il Ministero abbia approvato.


Altra forma attraverso la quale si esplica l'attività di tutela del patrimonio è relativa all’apposizione ed alla gestione dei vincoli, ovvero dei provvedimenti di tutela su beni immobili, in proprietà pubblica e privata, che rivestano interesse archeologico per la presenza di strutture e depositi di natura archeologica. Allo stesso modo, la Soprintendenza istruisce i procedimenti di decreto di importante interesse, notificati ai proprietari o detentori di beni mobili.


Particolare rilievo viene data alla valorizzazione per la pubblica fruizione e ad ogni attività volta alla diffusione della conoscenza del patrimonio archeologico regionale anche in collaborazione con le Università e gli enti locali territoriali.


Dalla Soprintendenza Archeologia del Piemonte dipendono le aree archeologiche di proprietà del demanio storico-artistico.


Dal 1980, l’attività della Soprintendenza è annualmente edita nella rivista di istituto “Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte”; la sezione “Notiziario” pubblica i principali interventi di ricerca sul territorio, suddivisi per province.

Ultima modifica il Sabato, 15 Giugno 2013 11:46

Visite: 15240

Musei e Aree Archeologiche

In Piemonte la valorizzazione dei beni archeologici è tradizionalmente affidata a piccoli musei locali, non statali e con fitta distribuzione sul territorio. A molti di questi la Soprintendenza Archeologia del Piemonte ha affidato in deposito materiali archeologici di proprietà statale e collabora con le istituzioni locali in progetti di valorizzazione.

Dal 2005, dopo il passaggio alla Fondazione del Museo Egizio, il Museo di Antichità di Torino è la sola esposizione archeologica statale della regione.

In tutti i capoluoghi di provincia e in molti altri centri minori sono sorti, a partire dalla fine dell'Ottocento e soprattutto dagli inizi del secolo successivo, musei civici, comprendenti sezioni di archeologia locale, che si sono via via arricchite nel tempo, grazie alle donazioni e alla sensibilità di personaggi illuminati, spesso inseriti nelle pubbliche istituzioni. Questo è stato possibile grazie all'impegno ed alla passione per la ricerca della propria storia di innumerevoli studiosi, generalmente appartenenti a famiglie di spicco della società, che, sulla scia di quanto già a Torino avevano compiuto gli esponenti della casa sabauda dalle cui raccolte trae origine il Museo di Antichità, hanno acquistato, conservato materiale archeologico rinvenuto nei terreni di proprietà o nei territori di residenza, o hanno addirittura promosso scavi archeologici con risorse personali. Si sono venute così a formare collezioni private che nella maggior parte dei casi sono confluite ai comuni di appartenenza, costituendo il nucleo dei musei civici archeologici. Personaggi come Corradino Sella a Biella, Ernesto Maggiora-Vergano, Leonetto Ottolenghi, Giuseppe Fantaguzzi e Nicola Gabiani ad Asti o ancora Federico Eusebio a Alba, padre Bruzza a Vercelli e Enrico Bianchetti nel Verbano, per citarne solamente alcuni, furono conservatori della memoria archeologica locale e non solo. Infatti l'amore per le antichità e la storia, portò molti di questi studiosi ad acquistare materiali provenienti da siti al di fuori del Piemonte, dall'Etruria, alla Magna Grecia, alla Grecia propria.
Alla presenza sul territorio del Museo Egizio, con le sue importanti raccolte anche a livello internazionale, si deve lo stimolo alla formazione delle sezioni egizie di numerosi musei civici piemontesi, quali il Museo Civico Archeologico di Asti, il Museo del Territorio Biellese o la raccolta della Fondazione Galletti di Domodossola.
Due soli musei di proprietà privata, il Museo Leone di Vercelli ed il Museo Martini di Pessione di Chieri, conservano materiali archeologici.

Tra gli Istituti e Luoghi della cultura, il Codice dei Beni Culturali comprende (art. 101, c. 2, lettere d ed e) le "aree archeologiche", intese come "sito caratterizzato dalla presenza di resti di natura fossile o di manufatti o strutture preistorici o di età antica", e il "parco archeologico", definito come " ambito territoriale caratterizzato da importanti evidenze archeologiche e dalla compresenza di valori storici, paesaggistici o ambientali, attrezzato come museo all'aperto".
La Soprintendenza Archeologia del Piemonte, per assicurare la fruizione delle aree archeologiche di proprietà pubblica e privata come indicato dall'articolo 102 del Codice, gestisce direttamente le aree di propria competenza e promuove accordi con altri Enti pubblici o soggetti diversi per garantire la massima valorizzazione possibile al patrimonio archeologico e paleontologico regionale, così come prefigurato dagli articoli 6 e 112 del Codice.

 

 1. IL MUSEO DI ANTICHITA'

 2. MUSEI DEL PIEMONTE

 3. AREE ARCHEOLOGICHE DEL PIEMONTE 

Ultima modifica il Sabato, 15 Giugno 2013 12:18

Visite: 12627

Attività

La Soprintendenza Archeologia del Piemonte ha la competenza sull'intera area amministrativa della Regione Piemonte.
Attività peculiare della Soprintendenza per i Beni Archeologici è la direzione delle azioni di ricerca indirizzate all’individuazione di beni attraverso prospezioni e scavi.
Di pari importanza è il complesso delle attività di conoscenza, tutela, e valorizzazione, dei beni archeologici regionali.

Di seguito le attività:

 1. Depositi

 2. Editoria

 3. Numismatica 

 4. Laboratorio di documentazione grafica

 5. Laboratorio di restauro

 6. Servizi educativi

 7. Tutela territoriale

 8. Servizio Tutela Museo delle Antichità Egizie

 9. Ufficio vincoli

Ultima modifica il Sabato, 15 Giugno 2013 11:46

Visite: 10841

© 2016 - Applicazione web e design Gianluca Di Bella

Top Desktop version